15 Marzo 2019

Dossier del quotidiano Il Manifesto su recenti episodi di antisemitismo

Fonte:

Il Manifesto

Autore:

Guido Caldiron, Massimo Congiu, Carlo Lania, Anna Maria Merlo, Lia Tagliacozzo

Oltre la linea rossa dell’intolleranza

C’è un interrogativo che percorre l’ebraismo italiano: la linea rossa dell’antisemitismo ègià stata superata? Quando si al passato è facile identificare eventi periodizzanti che divi dono il corso della storia in un prima e in un dopo ma oggi l’impressione è di stare in mezzo al guado. L’ebraismo italiano si guarda intorno con preoccupazione e le sfumature di questa inquietudine riguardano proprio la prossimità della linea rossa: «Ci sono sette milioni di nostri concittadini che non esitano a definirsi antisemiti – spiega Gadi Luzzatto Voghera, direttore del Centro di documentazione ebraica contemporanea e autore di Antisemitismo (Editrice Bibliografica). La differenza è che prima non lo dicevano e adesso invece lo rivendicano. Più che un aumento dell’antisemitismo c’è la sua emersione». I dati, d’altro canto, confermano le preoccupazioni. La Relazione annuale sull’antisemitismo in Italia del Cdec di Milano rileva il riproporsi di temi arcaici contro gli ebrei, il «nuovo» antisemitismo sul web, il ritorno del linguaggio nazista. 130 gli episodi censiti nel 2018 e 2017, ma i dati per il 2019 giustificano il nuovo allarme: «A gennaio e febbraio – osserva Betti Guetta, ricercatrice – siamo già a 46 episodi censiti a fronte dei 27 dell’anno scorso e dei 23 del 2017. Si tratta soprattutto di episodi rilevati sul web a cui si aggiungono però sei insulti, due aggressioni fisiche e una minaccia alle persone». «È proprio quello che vogliono – commenta Ruth Dureghello, presidente della Comunità di Roma rinchiuderci nella paura ma noi non dobbiamo far passare nulla. La situazione di allarme è innegabile ma non solo per il mondo ebraico, per l’intera società civile». Le strategie per affrontare il clima sono molte: «Si tratta di considerare la cultura ebraica – spiega Noemi Di Segni, presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane parte integrante della cultura italiana: se siamo un segmento culturale integrato e riconosciuto non si tratta più di difendere gli ebrei ma di difendere la cultura italiana nel suo insieme. Forse è utopistico ma credo sia un obbiettivo importante». A rispondere alle sollecitazioni è intanto il rabbino capo di Firenze Amedeo Spagnoletto: «È necessario essere molto chiari: nella nostra città chiunque tocchi anche solo un capello a qualcuno per un crimine di odio riceverà una risposta compatta e concorde- racconta da una realtà dove gli incontri tra il rabbino, l’imam e la diocesi sono frequenti – Se qualcuno subisce qualcosa, può stame certo, gli altri interverranno per lui».

MA L’INQUIETUDINE di una minoranza presente in Italia da ohm due millenni, icui testimoni dello sterminio nazifascista sono ancora vivi e impegnati nelle scuole di tutta Italia, è forte. Le parole di odio e i toni aggressivi turbano i sonni di molti, la parola «sdoganamento» compare di frequente. Cercare di raccontare l’attualità è una rincorsa e l’impressione che la linea rossa sia stata oltrepassata è forte: gli insulti antisemiti sul web alla senatrice Liliana Segre; le manifestazioni dell’estrema destra negazionista; il senatore 5 Stelle Lannutti che su twitter cita I protocolli dei savi anziani di Sion, uno dei classici dell’antisemitismo non solo del tempo dello Zar. Vittorio Feltri che sostiene di «rompersi i coglioni con la Shoah». Perfino gli ascoltatori della colta Radiotre a proposito di Primo Levi commentano: «Basta con questi ebrei» e «dovete fare cultura, non politica». La linea rossa in realtà appare un inquietante territorio di confine in cui si mescolano molte cose diverse: «È importante distinguere -spiega Guetta – tra i pregiudizi antiebraici intesi come luoghi comuni e stereotipi, e antisemitismo attivo con un attitudine ad agire fatta di azioni e minacce, interna ad una specifica posizione ideologica». Così, se le azioni violente di ostilità antiebraica contraddistinguono determinati gruppi politici, il pregiudizio è invece trasversale alle appartenenze ideologiche e sociali. Guetta non ha dubbi, «più ci si allontana dalla Seconda guerra mondiale e dalla Shoah, lo sterminio degli ebrei, più il tabù dell’antisemitismo viene superato. Oggi poi c’è un aggravante: la diffusione dell’utilizzo del web come fonte di informazione fonda un immaginario dell’ebreo anche presso persone che non ne sanno niente».

SONO CAMBIATI PERO’ attori e accenti: in alcuni casi si tratta della riproposizione degli stereotipi classici dell’antigiudaismo cattolico anche se Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma, sostiene che «nella maggior parte dei casi credo che la Chiesa abbia abbandonato il secolare insegnamento del disprezzo mentre in alcuni situazioni, marginali, ho qualche dubbio». In altre situazioni si tratta di stereotipi più moderni spesso in relazione a ciò che accade in Israele da una parte e alla banalizzazione della Shoah dall’altra. Il negazionismo resta patrimonio dei neonazisti mentre la banalizzazione della Shoah attraversa anche gruppi non militanti e rischia di diventare parte di un senso comune diffuso. Diverso è il discorso per quel che riguarda la critica ad Israele: «Quando si parla del conflitto israelo-palestinese a volte si usano linguaggi e stereotipi dell’antisemitismo – spiega Gadi Luzzatto Voghera – II sionismo diviene la rappresentazione dell’imperialismo finanziario occidentale comunque strumento dell’America». L’analisi dell’Osservatorio riguarda, per esempio, vignette e slogan: «Noi non abbiamo definito il Movimento boicottaggio, disinvestimento e sanzioni come antisemita ma quando si va su alcune pagine web – spiega Guetta-, le matrici delle immagini sono la rappresentazione di stereotipi antisemiti. Il pozzo da cui pescano e le immagini che usano sono spesso molto gravi». L’ebraismo italiano non è il solo a denunciare il clima di intolleranza crescente: «La violenza verbale e politica è stata sdoganata da personalità eminenti – sottolinea Luzzatto Voghera ed anche se chi è razzista è spesso antisemita penso che siano due cose separate, rispondono infatti a genesi e percorsi diversi. Per adesso essere antisemiti non fa vincere le elezioni mentre essere razzisti si». Sul ruolo che le istituzioni ebraiche debbono avere sono tutti concordi: «I governi e le forze di polizia – spiega Dureghello – soprattutto dopo l’attentato palestinese del 1982 non hanno mai fatto passi indietro nella volontà di proteggere le istituzioni ebraiche». Il corollario di molte interviste è che comunque «l’Italia non è la Francia», ma qualcuno teme comunque «che la globalizzazione avanzi anche su questo». A propone una commissione parlamentare bicamerale che vigili sui «fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza» è la senatrice Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di sterminio, mala calendarizzazione della discussione è ancora da definire e, con quel ta maggioranza, sarà una vera sfida. Nell’attesa, la strategia dell’Unione delle comunità è pragmatica: la conoscenza della cultura ebraica. Per esempio: una commissione sta analizzando i libri scolastici: «Di solito- spiega Noemi Di Segni- si passa dall’antichità alla Shoah senza nulla in mezzo, c’è spesso un appiattimento molto forte».

INTANTO LA FREQUENZA dei musei ebraici fa ben sperare: lo scorso anno in decine di migliaia hanno visitato sia il Museo Nazionale della Shoah e dell’ebraismo italiano di Ferrara che il Museo della Shoah di Roma. A Milano però la Fondazione Binario 21, il luogo da cui tra il 1943 e il 1945 partirono 23 treni diretti ad Auschwitz e ad altri campi di sterminio, si è aperta a nuove esperienze: «Dall’antisemitismo – spiega Marco Vigevani, ideatore del programma “Premesso che non sono razzista…” – ci siamo allargati a tutti i problemi dell’intolleranza della società di oggi e abbiamo inserito anche iniziative dedicate all’eredità del colonialismo, al razzismo, a tutti i sintomi morbosi che si aggirano oggi per l’Europa. La nostra chiave è mantenere la specificità senza isolarla, deve essere una chiave che apre e che fa capire meglio». Per l’Unione un altro settore prioritario è la formazione specialistica di chi ha responsabilità pubbliche: docenti, magistrati, giornalisti, operatori della cultura. «E poi – prosegue Di Segni – si tratta di ragionare in che modo affinare l’insieme di strumenti normativi che ancora non esistono. Non è detto che reprimere sia sempre la cosa migliore ma ragionare su questi temi fa parte del lavoro necessario. È importante sottolineare che non bisogna cadere in una trappola- prosegue- allontanando la linea rossa almeno un po’ – in Italia ci sono persone che fanno un lavoro enorme, bisogna mante nere con loro una progettualità positiva. C’è un’Italia bella che bisogna riconoscere».

Allegati: