22 Giugno 2015

Ottava edizione del master universitario Enrico Mattei diretto dal professor Claudio Moffa

master_mattei

Fonte:

Il Sole24Ore

Il sapere oltre i luoghi comuni

Multidisciplinarietà e profili d’eccellenza per capire il Medio Oriente

Al via l’ottava edizione del master Enrico Maffei. Multidisciplinarità, pluralismo delle opinioni e analisi a 360 gradi sono i tre principi guida del master Enrico Mattei in Medio Oriente, fondato nel 2006 dal professor Claudio Moffa e giunto all’ottava edizione: “Un solo esempio – dice il docente teramano – la domanda posta da un noto giornalista tre settimane fa sul fatto se ‘Obama stesse veramente combattendo l’Isis’: “ottimo il non fermarsi alle parole. E aggiungo: ma Obama controlla da solo la politica estera Usa? O ha da fare i conti con i media e i gruppi di pressione dentro la sua amministrazione? Come spiegare altrimenti il suo conflitto con la Clinton, e il succedersi di ministri della difesa come Panetta, e poi il pro-arabo Hagel, e poi ancora Carter Ashton, anti-Isis, ma anche antirusso e antiraniano? La complessità degli scenari mediorientali è nota, e dunque il nostro obiettivo è un’offerta formativa che riesca ad andare anche oltre i luoghi comuni e le cose non dette”

Da Sarkozy, non un nuovo De Gaulle ma un alleato di Israele, all’immigrazione (“se 800 mila vi sembran pochi …” è il titolo di un seminario del 2014, partecipanti anche sindacalisti e giuristi ‘buonisti’); dalle ambiguità della Turchia di Erdogan al nucleare iraniano, lo spettro degli argomenti è multidisciplinare: 5 moduli, Storia e geopolitica, Culture e religioni, Diritto internazionale, Economia, Informazione” Quanto ai docenti, ecco alcuni profili di eccellenza: gli storici Pappé, Cardini, Campanini, i giuristi e magistrati Sinagra, Bargiacchi, Priore, Forleo; intellettuali ebrei come Israel Shamir e Gilad Atzmon; i giornalisti Chiesa, Micalessin, Salerno, Tramballi. “

E – aggiunge il professor Moffa – figure della diplomazia ‘come Andreotti, Mordechay Levy, Vittorio Dan Segre, Antonio Napolitano: chi a spiegare le ragioni di Israele, chi a criticare gli errori dell’Occidente, che ha sempre abbandonato l’Islam laico’ dei Nasser, Saddam Hussein, Assad e oggi si trova alle prese con l’Isis.