1 Luglio 2016

Il leader Laburista Corbyn paragona lo stato di Israele ai terroristi dell’Isis

Corbyn_June30

Fonte:

Corriere della Sera, The Times, www.labour.org.uk

Autore:

Paolo Salom, Michael Savage, Lucy Fisher

Il paragone di Corbyn tra Israele e Stato Islamico

Talvolta è peggio la toppa del buco. Il leader (sfiduciato) del Labour britannico Jeremy Corbyn, ieri, si è ritrovato di nuovo in mezzo a una tempesta mediatica. Intervenuto alla presentazione di un rapporto interno sull’antisemitismo nel suo partito, Corbyn ha spiegato come «gli amici ebrei non possono essere ritenuti responsabili di ciò che fa Israele, o il governo Netanyahu, esattamente come gli amici musulmani non devono essere considerati responsabili di ciò che fa un qualche sedicente Stato Islamico o organizzazione». Alla domanda di un reporter se il suo fosse un paragone tra Israele e l’Isis, Corbyn ha risposto: «Naturalmente no». Ma ormai la frittata era fatta, tanto che persino il moderato Isaac Herzog, capo della corrispondente formazione politica nello Stato ebraico, ha subito chiarito come si sentisse «oltraggiato» da una simile spiegazione «scioccante» che dimostra «come Corbyn sia guidato da odio per Israele». L’ironia dell’ennesimo scandalo che ha colpito il politico britannico, l’uomo che avrebbe dovuto riportare ai «giusti valori» il Labour «deviato» dai vari Blair, Brown e Miliband, è che con le sue parole desiderava davvero uscire dall’ambiguità che circonda nel Regno Unito il rapporto tra la sinistra e Israele. Diversi episodi di intolleranza nei confronti di deputati di origine ebraica, oltre alle accuse rivolte direttamente a Corbyn di contiguità con l’estremismo palestinese e islamico più ampio (Hamas e Hezbollah definiti «nostri amici»), avevano consigliato l’apertura di un’inchiesta interna per far chiarezza e liberare il Labour dalla zavorra dei pregiudizi antisemiti. Il rapporto, elaborato nel giro di poche settimane, si chiude affermando che «sebbene occasionalmente ci siano atmosfere tossiche, il partito non è sopraffatto da antisemitismo, islamofobia o razzismo». Tutti assolti, palla al centro? L’uscita per lo meno incauta di Corbyn ha vanificato le migliori intenzioni. Ma se non altro ha avuto il pregio di portare alla luce un comune sentire, diabolicamente mimetizzato nel politicamente corretto.

Corbyn è accusato di collegare Israele all’Isis

Jeremy Corbin è stato denunciato dal rabbino capo perchè sembrava comparasse Israele al gruppo terroristico dello Stato Islamico durante un evento destinato ad affrontare affermazioni di antisemitismo all’interno del partito laburista.

Una deputata laburista ha anche avvertito che il partito sotto il signor Corbyn non era più uno “spazio sicuro per gli ebrei britannici”, dopo che un attacco verbale da parte di uno dei sostenitori del leader l’ha lasciata in lacrime.

Mr Corbyn è stato inghiottito dalla nuova crisi sull’ antisemitismo durante un altro giorno torrido. Si è rifiutato di dimettersi nonostante le ulteriori dimissioni di suoi portavoce e le richieste a lui da più di 500 consiglieri locali di andare. I laburisti moderati stavano cercando di mediare un accordo di uscita per il loro leader, ma lui è rimasto sordo.

Ieri parlando in occasione della presentazione di un rapporto sull’antisemitismo, ha richiamato all’ordine affermando che il Labour ha avuto un problema con la questione, Mr Corbyn ha detto: “I nostri amici ebrei per le azioni di Israele o del governo Netanyahu non sono più responsabili dei nostri amici musulmani per quelle dei vari stati o organizzazioni islamiche sedicenti”.

I commenti hanno portato a proteste ufficiali al partito circa il suo leader. Un portavoce ha detto che tutte le accuse di antisemitismo sono state “prese molto sul serio”.Mr Corbyn e il suo team hanno negato di avere avuto lo scopo di comparare Israele all’Isis. Un portavoce ha detto che era stato riferito a stati che erano di natura esclusivamente islamica, come l’Arabia Saudita, il Pakistan o l’Iran.

Ephraim Mirvis, il rabbino capo, ha detto che i commenti sono stati offensivi “comunque fossero concepiti” “Piuttosto che ricostruire fiducia all’interno della comunità ebraica, (le osservazioni) sono suscettibili di causare ancora più grande preoccupazione”, ha detto. “Invoco il partito laburista di garantire che ci sarà tolleranza zero per l’antisemitismo”.

L’ex rabbino capo Jonathan Sacks ha detto: “il confronto di Jeremy Corbyn tra lo stato di Israele e l’Isis è demonizzazione di prim’ordine, un oltraggio inaccettabile. Che questo si sia verificato in occasione della presentazione del rapporto all’interno di recenti problemi del partito laburista con l’antisemitismo, mostra quanto è in profondità la malattia in alcune parti della sinistra della politica britannica di oggi. ” I commenti hanno anche attirato il disprezzo internazionale. Isaac Herzog, il cui partito laburista israeliano si trova nella medesima federazione internazionale dei partiti socialisti, come il Labour, ha detto: “Il suggerimento di Corbyn di equivalenza morale tra Israele e Isis è scandaloso e inaccettabile, un tradimento dei valori del Labour a livello mondiale.” L’ex ministro degli esteri israeliano Tzipi Livni ha detto: “Le parole di Corbyn implicano una grave mancanza di giudizio morale. Esattamente come tutti i musulmani non sono da biasimare per l’Isis, non tutti gli inglesi sono da biasimare per Corbyn.”

Emily Thornberry, il nuovo ministro ombra agli Esteri, si è scusata con l’ambasciatore israeliano a Londra.

L’indagine sull’ antisemitismo, supervisionata da Shami Chakrabarti, ex direttore del gruppo sui diritti umani Liberty, ha rilevato piuttosto che, c’è stata “troppa chiara evidenza … di atteggiamenti ignoranti” nel partito laburista, non è stato invaso da antisemitismo o altro razzismo. Ha detto che nel partito espressioni come “Zio” e “Paki” sono fuori luogo.

La presentazione è scesa ulteriormente nell’acredine quando una deputata laburista ebrea, Ruth Smeeth, è andata via in lacrime, dicendo che era stata insultata da un attivista di estrema sinistra. Marc Wadsworth, del gruppo di supporto di Corbyn, Momentum Black ConneXions, la ha accusata di “lavorare mano nella mano” con i media della destra contro il leader.

Stoke-on-Trent Nord e la deputata di Kidsgrove hanno detto in una dichiarazione “Sono stata aggredita verbalmente da un attivista di Momentum e sostenitore di Jeremy Corbyn che ha utilizzato tradizionali insulti antisemiti al fine di aggredirmi per essere parte di una cospirazione di media.

“Il fatto che (Mr Corbyn) non sia riuscito a intervenire è la prova finale per me che lui è inadatto a governare e che un partito laburista sotto la sua amministrazione non può essere uno spazio sicuro per gli ebrei britannici”.

Ha aggiunto: “Dall’evento nessuno dell’ufficio del leader mi ha contattato, ciò è esso stesso un catastrofico fallimento di leadership. Invito Jeremy Corbyn a dimettersi immediatamente e far posto a qualcuno con la spina dorsale per confrontarsi con il razzismo e l’antisemitismo all’interno del nostro partito e nel paese “.

Momentum, che nasce dalla campagna per la leadership di Mr Corbyn lo scorso anno, è diventato il suo scagnozzo. Ha inscenato riunioni, tenuto incontri di pianificazione di emergenza e utilizzato call centre. La scorsa notte, una petizione online che ha lanciato a sostegno del signor Corbyn ha conquistato più di 64.000 firme.

Lunedì ha organizzato una protesta in piazza del Parlamento e ha affermato che 10.000 persone erano presenti.

La protesta è stata fissata alla stessa ora di una riunione del gruppo di lavoro parlamentare del Labour nel Palazzo di Westminster, in cui i parlamentari hanno fatto pressione su Mr Corbyn per andare.

Allegati: