7 Settembre 2016

Consigliera comunale di FdI a Ceccano pubblica un post Facebook di ispirazione nazista

facebook post Ginevra Bianchini

Fonte:

Ciociaria Oggi

Il post di Bianchini che imbarazza l’amministrazione

Il capogruppo della Lista Caligiore, Ginevra Bianchini, pubblica un post su facebook e scoppia un caso politico che mette in imbarazzo l’amministrazione “né (di) destra, né (di) sinistra”, come da manifesto elettorale del sindaco. Una leggerezza da social o la volontà di ribadire le sue radici politiche? Certo è che il post, che richiama espressamente l’invasione della Polonia del 1939 da parte dell’esercito nazista e russo, ha scatenato un putiferio sia sul social che tra le forze politiche. «È scandaloso che la consigliera Bianchini, anche in qualità di presidente della consulta femminile dell’Anci, continui a esaltare sui social network il valore della violenza – scrive, tra l’altro, in una nota Sinistra e Libertà –Evidentemente digiuna di storia, dovrebbe sapere che il 1 settembre 1939, con l’invasione della Polonia da parte dei nazisti e dei russi, si è aperta una delle peggiori pagine della storia dell’umanità, che ha portato alla morte di milioni di persone. Se avesse il cuore, la coerenza e il coraggio di ammettere pubblicamente le proprie idee e simpatie, la città di Ceccano e ceccanesi sarebbero in condizione di sapere chi oggi effettivamente sta governano la città». E concludono, dopo averla invitata a dimettersi dalla Presidenza della consulta femminile dell’Anci: «E se non la capisce da sola, intervenga Caligiore, che ha giurato più volte di difendere i valori costituzionali, come l’antifascismo e l’antinazismo, prima come rispettoso servitore dello Stato, qual è, e poi come sindaco».