10 Luglio 2015

Anpi e Pd protestano contro un convegno promosso dal partito di estrema destra Forza Nuova in Regione Lombardia

fb_forzanuova_milano

Fonte:

la Repubblica edizione di Milano

Autore:

Simone Bianchin

Presidio Anpi e Pd contro il convegno FN ospitato al Pirellone

Un presidio del Pd, ieri davanti al Pirellone, contro «il convegno xenofobo di Forza Nuova in Regione Lombardia per proteggersi dallo “tsunami chiamato immigrazione”, contro le idee di mettere “muri e fili spinati” per fermare l’immigrazione». Per dire, assieme all’Associazione Nazionale Partigiani – presente con il presidente Roberto Cenati e una delegazione – che «è estremamente grave che la Regione ospiti nella sua sede istituzionale un convegno di questo tipo, con Forza Nuova, il suo leader Roberto Fiore e quel sindaco ungherese» che è Laszlo Toroczkai, primo cittadino di Asotthalom, l’ideatore del muro anti profughi da costruire al confine serbo.

Insieme al segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri c’erano anche il segretario provinciale Pietro Bussolati, la vice presidente del consiglio regionale Sara Val: maggi, il consigliere Onorio Rosati.

La scelta di ospitare il convegno in Regione per Roberto Cenati «è un ennesimo atto xenofobo. La Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e la Costituzione repubblicana prevedono il diritto di asilo per i profughi. Alzare i muri – continua Cenati – è un atto provocatorio e xenofobo di fronte a questa immigrazione ormai di carattere biblico. E Milano ha fatto fronte con generosità alla recente ondata di immigrazione di eritrei, somali, siriani».

«L’ospitalità delle istituzioni dovrebbe essere impostata sul rispetto dei valori fondanti la nostra democrazia, come l’antifascismo. Da questo punto di vista l’invito di un esponente di Forza Nuova, un movimento estremista di destra, a un dibattito regionale, risulta imbarazzante e inopportuna», ha dichiarato Dario Violi, capogruppo del M5S al Consiglio regionale. «Peraltro – aggiunge Violi – un convegno con quel titolo non ha nulla a che vedere con le politiche regionali, a meno che Maroni voglia mettere un muro sul Po per fermare l’immigrazione».

Secondo Roberto Fiore, «la sinistra è sempre pia lontana dalla realtà. Quando le nostre case sono attaccate voglio il muro, il filo spinato». «Mamma mia – replica Cenati – Di muri e fili spinati ne ha conosciuti molti, l’Europa, con il nazismo. Il muro di Berlino è stato abbattuto».