15 Luglio 2014

Dichiarazioni di Gianni Vattimo contro Israele e gli ebrei

gianni_vattimo

Fonte:

www.radio24.ilsole24ore.com/programma/lazanzara/

Gianni Vattimo contro Israele: “Nazisti, fascisti, Israele peggio di Hitler”

Durante la trasmissione radiofonica La Zanzara, trasmessa su Radio24 martedi 15 luglio alle 18.30, e dedicata alla crisi medio-orientale (Dai razzi ai cazzi), uno degli ospiti, il docente universitario in pensione ed ex europarlamentare di Gianni Vattimo ha pronunciato molte frasi di matrice antisionista ed antisemita.

Alcuni esempi:

“Israele stato canaglia”. “Israele stato nazista e fascista, peggio di Hitler”.

“Andrei a Gaza a combattere a fianco di Hamas, direi che è il caso di fare le Brigate Internazionali come in Spagna, perché Israele è un regime fascista che sta distruggendo un popolo intero, in Spagna non era niente in confronto a questo. E’ un genocidio in atto, nazista, razzista, colonialista, imperialista e ci vuole una resistenza. L’unica cosa seria è che ci vogliono le brigate internazionali”.

“Tutta l’informazione compresa la stampa italiana piange sul fatto che c’è una pioggia di missili su Israele, ma Hamas quanti morti ha fatto? Nessuno. I poveretti non hanno armi, sono miserabili tenuti in schiavitù, come tutta la Palestina. Hanno dei razzetti per bambini, e voglio promuovere una sottoscrizione internazionale per permettere ai palestinesi di comprare delle vere armi , veri missili, e non delle armi giocattolo. L’Europa dovrebbe dare gratis le armi ai palestinesi”.

Ma lei sparerebbe contro gli israeliani, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo?:

“Contro quelli che bombardano ospedali, cliniche private e bambini sparerei, certo ma purtroppo non sono capace non avendo fatto il servizio militare. Ma imparerei volentieri per combattere contro i bastardi israeliani sionisti che non hanno niente a che fare con gli ebrei”.

“Israele vuole distruggere definitivamente i palestinesi, è una guerra di puro sterminio. Sono peggio di Hitler perché hanno anche l’appoggio delle grandi democrazie occidentali”.

Ma cosa dice, peggio di Hitler, osservano i conduttori:

“Dite voi delle cazzate, i palestinesi sono stati cacciati dalla loro terra e sono vittime di un genocidio con la scusa dell’Olocausto. Stanno ripetendo l’Olocausto al rovescio, sterminando i palestinesi, in tutti i modi, gli impediscono di vivere mentre sono vivi, li rinchiudono a Gaza e poi li gasano e li bombardano”.

“Ripeto, sono disposto ad aprire una sottoscrizione per acquistare armi per i palestinesi. Cominciamo a distruggere il nucleare israeliano, loro sono i bastardi che hanno il nucleare noi no, sono lo stato canaglia che ha il nucleare”.

Ma Israele è una democrazia, dicono ancora i conduttori:

“Ah ah ah, Israele è uno stato razzista con una minoranza perseguitata, maltrattata, murata, tenuta senz’acqua, espropriata, altro che democrazia. O non capite o siete pagati dal Mossad, qualcuno di voi avrà legami di parentela. Leggete qualche giornale che non siano quelli italiani posseduti dal Mossad, posseduti dalla caste di quelli che hanno i soldi. Dove è l’obiettività della Repubblica, della Stampa o del Corriere della Sera?”.”Mi piacerebbe una guerra alla pari invece dello sterminio”.

Vorrebbe più morti israeliani, chiedono i conduttori ?:

“Direi di sì, se li meritano e se li piglino. Se vogliono la guerra la facciano sul serio ma non così, non facciano una gara con la gamba di legno o con le mani legate dietro la schiena come sono abituati a fare”.

“Hamas ha dei razzetti del cazzo, li vorrei solo comprare più efficaci, mentre voi siete degli stronzi. Mi auguro la morte del nemico israeliano. Se muore tanto meglio, crepi, contro i nazisti cosa avreste fatto, delle prediche? Sono nazisti puri, sono peggio di Hitler. Non ci sono le camere a gas ma ci sono le bombe. Gli ebrei italiani dalla parte di Israele sono quelli ex fascisti, la comunità ebraica italiana è rappresentata da quell’ossimoro che è Pacifici, ma ci sono molti ebrei d’accordo con me. Li c’è uno stato nazista che cerca di sopprimere un altro popolo”.