21 Novembre 2016

Secondo un rapporto diffuso dal ministero degli interni svizzero, la Comunità ebraica svizzera dovrà provvedere personalmente alle spese per la propria sicurezza

svizzera

Fonte:

http://www.jta.org/

Il governo svizzero vuole che gli ebrei finanzino le proprie spese di sicurezza.

(JTA) – Gli ebrei della Svizzera devono pagare per i loro costi di sicurezza, sebbene farlo sia assolutamente responsabilità del governo, ha sottolineato un ente governativo svizzero in un rapporto sull’antisemitismo.

L’insolita affermazione è uscita la scorsa settimana in un rapporto pubblicato dal servizio per la lotta contro il razzismo del ministero dell’interno svizzero. Ha suscitato reazioni contrastanti nelle comunità ebraiche del paese, che del rapporto, hanno accolto positivamente il nominare la questione, ma ne hanno criticato l’incapacità di offrire soluzioni alternative.

“Dove indicazioni credibili suggeriscono che la comunità ebraica, ebrei o istituzioni ebraiche siano il bersaglio di attacchi violenti, lo Stato – cioè la confederazione federale o i suoi Cantoni – è assolutamente tenuto ad offrire protezione e garantire la sicurezza individuale, anche a scapito di un elevato dispendio di risorse umane o finanziarie”, afferma il documento di 18 pagine, dal titolo “Relazione sulle misure adottate dallo stato federale per la lotta all’antisemitismo in Svizzera “.

E mentre gli ebrei svizzeri si trovano in tali rischi , “non vi è alcuna base costituzionale o giuridica che consenta la partecipazione dello Stato federale nei costi di sicurezza per proteggere l’istituzione ebraica.” Di conseguenza, “le organizzazioni ebraiche potrebbero creare una fondazione per finanziare le loro spese per la sicurezza “, il documento prosegue suggerendo.

Giovedì, la Federazione Svizzera delle comunità ebraiche ha criticato il rapporto in un comunicato intitolato: “I gruppi ebraici ricordano allo stato federale i suoi doveri.”

Mentre il rapporto mostra che la Svizzera “prende sul serio la lotta contro il razzismo e l’antisemitismo”, dice il comunicato, di avere rilevato che i gruppi ebraici hanno già dato suggerimenti pratici su come risolvere il problema descritto nel rapporto.

I gruppi ebraici “sono in attesa che il governo federale, unitamente ai Cantoni, si assumano le proprie responsabilità”, secondo il documento.

Reagendo alla proposta che gli ebrei coprano i propri costi per la sicurezza, Herbert Winter, il presidente della Federazione Svizzera delle Comunità Ebraiche, ha detto nella dichiarazione: “Questo tipo di proposta è inaccettabile per noi”, perché, come osserva il rapporto, ” è dovere dello Stato “.

In Francia, confinante a ovest con la Svizzera, il governo sta spendendo milioni di dollari ogni anno per la protezione delle istituzioni ebraiche e dei cittadini, tra cui il dispiegamento di 12.000 soldati a guardia di scuole ebraiche e di altri edifici della comunità. L’intervento è stata avviato in seguito all’assassinio di quattro persone nel 2015 in un supermercato kosher a Parigi.

In Francia e in Belgio dal 2012 sono morte circa 12 persone in attacchi contro obiettivi ebraici ad opera di jihadisti.

Italia, Austria e Germania offrono anche finanziamenti per la protezione delle loro comunità ebraiche, così come il Belgio, l’Olanda, la Gran Bretagna e la maggior parte degli altri paesi dell’Europa occidentale.