20 Maggio 2015

Morte dello storico dell’antisemitismo Robert Wistrich

r_wistrich

Fonte:

La Stampa

Autore:

Maurizio Molinari

Muore a Roma Robert Wistrich grande studioso dell’antisemitismo

È morto improvvisamente a Roma Robert Wistrich, lo storico israeliano considerato il maggior studioso vivente dell’antisemitismo contemporaneo. Wistrich, nato nel 1945 in Kazakistan, era giunto in Italia su invito dell’Università di RomaTre e avrebbe dovuto parlare oggi al Senato sul «Caso francese» ovvero la nuova fenomenologia dell’antisemitismo europeo.

«Aveva con sé un libro su Hamas, stava approfondendo il legame fra jihadismo e antisemitismo», afferma David Meghnagi, titolare del Master in Didattica della Shoah all’Università RomaTre, che il giorno precedente al decesso lo aveva accompagnato a visitare il Gianicolo. Wistrich aveva mostrato un interesse per Benedetto Musolino che partecipò ai Mille e scrisse nel 1851 Gerusalemme ed il popolo ebreo.

Titolare del Centro internazionale sull’antisemitismo all’Università ebraica di Gerusalemme e autore di oltre 30 libri sull’odio antiebraico, dalle persecuzioni di Hitler alla delegittimazione di Israele, Wistrich era uno dei sei accademici della commissione storica ebraico-cattolica sulla figura di Pio XII.