29 Dicembre 2013

L’umorismo antisemita di Dieudonné

dieudonne_gouasmi_iran_05

Fonte:

il Manifesto

Autore:

Anna Maria Merlo

FRANCIAA difenderlo la rete e il Fronte nazionale, che invoca al libertà di espressione

L’humor (troppo) nero di Dieudonné

Teatri pieni agli spettacoli del comico che insulta gli ebrei. Il ministro degli Interni Vals: «I suoi numeri sono un rischio per l’ordine pubblico»

PARIGI Dieudonné è un umorista francese di 47 anni che riempie le sale quando si esibisce, a Parigi nel teatro della Main d’Or come nelle tournées in provincia. Gli spettatori ridono alle sue battute. Su Internet si è creata una comunità di entusiasti, sempre più fitta. Dieudonné ride e fa ridere riprendendo l’arsenale più retrivo dell’antisemitismo. Ha inventato un gesto – la «quenelle», che dal campo della gastronomia (è una specie di gnocco a base di pesce o pollo) è ormai entrato in quello della politica – che ieri ha riprodotto anche il calciatore Anelka, dopo aver fatto un goal nel campionato inglese. La «quenelle» – un «saluto nazista rovesciato» secondo Alain Jakubovicz, presidente della Licra (Lega contro il razzismo e l’antisemitismo), rivendicato come «rivoluzionario e antisemita» dall’umorista e dai suoi seguaci – è diventata un emblema. Il ministro degli interni, Manuel Valls, ha deciso di reagire. Nei prossimi giorni, invierà ai prefetti una circolare che permetterà di valutare, caso per caso, se gli spettacoli di Dieudonné sono «una turbativa all’ordine pubblico» e se dovranno venire proibiti. Qualche sindaco ha già tentato di bloccarli, ma la giustizia amministrativa, sistematicamente interpellata dagli avvocati dell’umorista, ha sempre bocciato le iniziative locali, anche se Dieudonné è già stato condannato a pagare multe salate: l’antisemitismo in Francia è un reato, non un’opinione. Radio France ha denunciato il comico per aver insultato in uno spettacolo un giornalista della rete pubblica, Patrick Cohen, colpevole di non si sa cosa, ma che ha un nome ebreo: «Quando sento parlare Patrick Cohen mi dico, vedi, le camere a gas, peccato», l’umorista fa ridere il pubblico. Per Valls «Dieudonné ha cambiato dimensione. I suoi spettacoli non appartengono più alla dimensione creativa, ma contribuiscono ad accrescere i rischi di turbativa all’ordine pubblico». Valls intende «spezzare la meccanica dell’odio» diffusa dagli spettacoli di Dieudonné. Ma molti dubitano dell’efficacia della proibizione. A difendere Dieudonné c’è il Fronte nazionale che invoca «la libertà di espressione», garantita dalla Costituzione e dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. L’Uejf, l’Unione degli studenti ebrei di Francia, ha dei dubbi sulla strategia di Valls e sulla sanzione preventiva, che punta alla messa al bando degli spettacoli di Dieudonné e ritiene più efficace la sanzione ex post. Laurent Joffrin, direttore del Nouvel Observateur, però afferma: «Temevamo di accordargli una pubblicità eccessiva, di farne un martire della libertà di espressione. Questi scrupoli sono oggi superati: Dieudonné accoglie già l’adesione ignorante di un numero considerevole di inter-nauti». Sul sito Nouvelobs.com i commenti sono purtroppo istruttivi, per valutare la diffusione del l’antisemitismo in Francia all’alba del 2014.