4 Maggio 2014

L’applicazione WhatsApp vietata in Iran perché il suo proprietario è un ebreo

whatsup_logo

Fonte:

Corriere della Sera

WhatsApp vietata: «Zuckerberg è ebreo»

Teheran — WhatsApp, la popolare applicazione di messaggistica usata nel mondo da milioni di persone, è stata vietata ieri in Iran dal capo della commissione iraniana per i reati sul web, Abdolsamad Khorramabadi: «La ragione dietro a questo provvedimento — ha spiegato — è l’acquisto di WhatsApp da parte del fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, che è un sionista americano».