31 Gennaio 2014

Il disegno di legge contro il negazionismo si avvia a ritornare in commissione Giustizia

repubblica_logo

Fonte:

la Repubblica

Negazionismo, il ddl torna in commissione

Roma – Il disegno di legge contro il negazionismo si avvia a ritornare in commissione Giustizia. Questo l’orientamento espresso ieri dal gruppo democratico in Senato. La relatrice Rosaria Capacchione chiederà all’aula di rimandare il testo in commissione, e con ogni probabilità la sua proposta verrà accolta. Alla fine hanno vinto i dubbi. E per la seconda volta nel giro di pochi mesi la legge quasi sicuramente sarà ritirata. Ha certo contato anche il monito del presidente Napolitano, che ha invitato la classe politica a riflettere con «attenzione» e «saggezza» su un provvedimento che ha sollevato molte obiezioni. In primo luogo da parte degli storici, che hanno rilevato un pericolo per la libertà della ricerca, vista anche la genericità della formulazione iniziale che condanna chiunque neghi l’esistenza di «genocidi», «crimini contro l’umanità» e «crimini di guerra». Ma anche da parte dell’ufficio legislativo del Senato che giudica «ancora troppo generica» la correzione della legge, con l’aggiunta del dolo del «proselitismo» e dell’«istigazione all’odio razziale». «Una legge inutile», ha ribadito Miguel Gotor, anche perché già esiste la legge Mancino, che punisce «chi propaganda idee fondate sull’odio razziale».