5 Luglio 2016

Il comico antisemita Dieudonné perde la causa per diffamazione contro Roger Cukierman presidente del Conseil représentatif des institutions juives de France – Crif

Dieudonne

Fonte:

www.lexpress.fr

Dieudonné perde la causa per diffamazione contro il presidente del Crif

Parigi – Il polemista Dieudonné M’bala M’bala martedì ha perso la causa per diffamazione presentata contro l’ex presidente del Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche di Francia (CRIF) Roger Cukierman, che in particolare lo aveva definito “professionista dell’antisemitismo “.

Alla fine del 2013, M.Cukierman aveva più volte espresso la sua preoccupazione per il fenomeno Dieudonné e l’aumento di antisemitismo.

A radio RTL il 16 dicembre, il presidente del CRIF dichiarava che “Dieudonné è diventato un professionista dell’antisemitismo, egli usa la sua fama di comico per la produzione e la diffusione dell’antisemitismo”.

Il tribunale di Parigi ha ritenuto che le dichiarazioni perseguite non erano diffamatorie.

In quanto alle parole di M. Cukierman che descrivono il gesto “gnocco”, come un saluto nazista rovesciato, “un saluto nazista alla moda di Dieudonné” – commento del 17 dicembre 2013 durante la trasmissione “Le talk Orange Le Figaro” – i giudici hanno considerato che non ha fatto che “esprimere un punto di vista personale.” Nessuna diffamazione in questo caso, ha giudicato la 17a sezione del tribunale di Parigi.

M. Cukierman è stato anche assolto. Il presidente del CRIF ha chiesto la condanna di Dieudonné per abuso di processo, ma senza successo.

Il 13 maggio, Dieudonné aveva già perso una causa per diffamazione contro il presidente della LICRA Alain Jakubowicz, che aveva descritto il “gnocco” come “un saluto nazista alla rovescia a significare la sodomizzazione delle vittime dell’Olocausto”.

L’ex braccio destro dell’umorista Elie Semoun, una volta il favorito sugli schermi televisivi, considerato uno dei migliori comici della sua generazione, Dieudonné M’bala M’bala, 49 anni, che afferma di essere “anti-sistema” e antisionista , si è evoluto verso posizioni vicine all’estrema destra accumulando negli ultimi anni problemi legali e ripetute condanne per dichiarazioni antisemite.

Bandito dalla maggior parte dei media, Dieudonné rimane molto popolare su Internet dove alcuni suoi video sono stati consultati oltre due milioni di volte.