24 Agosto 2015

Il cantante Matysiahu reinserito nel programma del festival di musica reggae Rototom

mosaicocem_rototom_matysiahu

Il concerto di Matysiahu in Spagna: “Difficile, ma speciale”

Alla fine ce l’ha fatta: il cantante ebreo americano Matysiahu, il cui concerto era stato cancellato dal programma del festival reggae Rototom in Spagna per poi essere reinserito dopo le critiche e le polemiche suscitate, ha deliziato i numerosi partecipanti con la propria voce, vincendo il boicottaggio organizzato contro di lui. L’artista reggae americano ebreo Matisyahu ha infatti affrontato l’opposizione da manifestanti filo-palestinesi durante il suo ultimo concerto di domenica al festival Rototom, in Spagna, dopo che aveva rifiutato di chiarire le proprie posizioni politiche sulla nascita dello Stato palestinese.

Il concerto si è svolto pacificamente, anche ma Matisyahu ha dovuto mantenere il sangue freddo in mezzo a fischi e fischi di disapprovazione di decine di persone che in mezzo alla folla sventolavano enormi bandiere palestinesi. In un post di Facebook dopo l’evento, Matisyahu chiamato il “difficile, ma speciale.”

Nonostante l’accoglienza ostile da parte di alcune persone tra la folla, l’artista ha chiuso il suo set di 45 minuti con un messaggio universale per il suo pubblico. “Chiunque tu sia e da ovunque arrivi, solleva una bandiera in aria. Lascia che la musica sia la tua bandiera”.

Gli organizzatori sono stati costretti in un’inversione a U dopo una protesta a seguito della cancellazione prima dell’apparizione di Matisyahu, con il governo spagnolo e le organizzazioni ebraiche che hanno condannato la decisione con forza, e ha invitato l’artista a esibirsi l’ultima notte del festival di una settimana.

Matisyahu, il cui vero nome è Matteo Miller, all’inizio di questa settimana ha condannato il tentativo di costringerlo a fare dichiarazioni politiche e ha detto la politica non ha svolto alcun ruolo nella sua musica.

La campagna per espellere Matisyahu è stata guidata dal ramo Valencia del gruppo BDS, che si oppone all’occupazione israeliana dei territori palestinesi e svolge campagne contro gruppi e persone che hanno legami con Israele.