16 Febbraio 2014

Gli estremisti ungheresi di Jobbik hanno organizzato una riunione politica nell’ex sinagoga di Esztergom

jobbik_logo

Fonte:

Corriere della Sera

Autore:

Maria Serena Natale

Riunione di antisemiti nell’ex Sinagoga

l’Ungheria non abbandona il passato

C’è una guerra della memoria in corso nell’Ungheria che si avvicina alle elezioni del aprile, consumata tra riposizionamenti linguistici e simbolici, nella subdola riduzione del passato a terreno di scontro politico. L’ultimo episodio ha visto protagonisti gli ebrei della cittadina di Esztergom, 5o chilometri a nord di Budapest, e il partito di estrema destra Jobbik, terza forza in Parlamento, noto per la retorica xenofoba e antisemita dei suoi leader.

Venerdì scorso Jobbik ha organizzato una riunione politica nell’ex sinagoga di Esztergom, eretta nel 1888 e luogo di culto fino al termine della Seconda guerra mondiale, quando la maggior parte degli ebrei della città era ormai scomparsa nei campi nazisti. L’occupazione tedesca dell’Ungheria durò dal 19 marzo 1944 alla primavera dei 1945. Gli ebrei deportati furono circa mezzo milione. La stella gialla sul bavero, i manifestanti hanno circondato l’edificio che dal 2006 ospita un centro culturale municipale e sfidato il massiccio dispiegamento di polizia denunciando la «scandalosa provocazione», mentre all’interno il leader di Jobbik Gabor Vona proclamava: «Non sono un nazista. Non ho nulla di cui vergognarmi».

Nelle stesse ore la federazione delle comunità ebraiche ungheresi riceveva il sostegno del Congresso ebraico mondiale per il boicottaggio delle commemorazioni dell’Olocausto organizzate nel 2014 dal governo conservatore di Viktor Orbán. Un anno della memoria partito tra aspre polemiche, come quella sull’inaugurazione prevista in marzo di un monumento in ricordo di «tutte le vittime dell’occupazione»: formula contestata dalle associazioni che denunciano l’ennesimo tentativo di sminuire il ruolo delle autorità nazionali che appoggiarono la macchina dello sterminio. Lo scorso ottobre il vice premier Tibor Navracsics aveva tentato invano un’inversione di rotta dichiarando durante la conferenza internazionale sull’antisemitismo: «Anche noi fummo responsabili dell’Olocausto».

Negli ultimi sondaggi Jobbik cresce; il 48 per cento degli ebrei ungheresi ha pensato di emigrare, l’aria a Budapest e dintorni si è fatta pesante.