18 Aprile 2015

Francia: razzismo e antisemitismo saranno reato

m_valls

Fonte:

La Stampa

Insulti razzisti, in Francia saranno reato

Stretta in Francia contro gli insulti razzisti e antisemiti. Il premier Manuel Valls ha presentato un piano in 40 punti e si è detto pronto a investire fino a 100 milioni di euro in tre anni.

Il governo socialista di François Hollande ha annunciato che gli insulti razzisti e antisemiti verranno repressi come qualsiasi delitto di diritto comune e quindi considerati reati penali. Fino ad oggi venivano esaminati con la legislazione legata al diritto di stampa. «Più lenta e più tecnica rispetto a quella che riguarda gli altri delitti del codice penale», ha osservato il quotidiano «Libération».

Dopo gli attentati di gennaio a Charlie Hebdo e all’Hyper Cacher, l’esecutivo intende dare un segnale forte: l’incitamento all’odio non può beneficiare di deroghe, anche a nome della libertà d’espressione. Gran parte delle stesse associazioni antirazziste, come anche molti giuristi specializzati in diritto di stampa, si sono espressi però contro il progetto che a loro avviso rischia di moltiplicare i processi in dossier spesso complessi che invece andrebbero trattati con molta attenzione e prudenza. «Rendere omaggio a Charlie Hebdo rafforzando la censura è una pura aberrazione», ha scritto su «Le Figarò» Anne-Marie Le Pourhiet, professoressa di diritto pubblico.