7 Novembre 2013

Federfauna, un’associazione di allevatori e commercianti di animali, ha indetto il “Premio Hitler”

premio_hitler

Fonte:

www.unita.it

Autore:

Andrea Bozzi

“Premio Hitler” agli animalisti. Provocazione choc di Federfauna

L’associazione di allevatori consegnerà un riconoscimento al vincitore scelto tra coloro che si sono contraddistinti per “violenze di matrice animalista”.

In questi giorni, i paragoni con il nazismo vanno sempre più di moda. Dopo l’accostamento tra i propri figli e gli ebrei perseguitati arditamente cercato da Silvio Berlusconi, infatti, l’altra allucinante provocazione arriva da Bologna.

Federfauna, un’associazione di allevatori e commercianti di animali, consegnerà un riconoscimento che porta il nome di Adolf Hitler. Il destinatario del premio sarà scelto tra coloro che – segnalati via e-mail all’organizzazione – si sono contraddistinti per “violenze di matrice animalista”.

Il nome del vincitore sarà svelato solo il prossimo 24 novembre sotto le Due Torri: un giorno non scelto a caso, ma che ricorda la firma della “Legge sulla protezione degli animali”, Tierschutgesetz, apposta dallo stesso Führer nel 1933.

La ricompensa rivaleggia in cattivo gusto con la denominazione del premio: si tratta di “una targa ricordo con l’immagine di Hitler che accarezza amorevolmente due caprioli sullo sfondo del campo di concentramento di Auschwitz, sovrastata dalla scritta “Animal Rights” corretta in “Animal Reich””, si legge nella missiva mandata ai finalisti firmata dal segretario generale Massimiliano Filippi e pubblicata nel sito www.federfauna.org. Il vincitore sarà anche invitato a pranzi o cene “rigorosamente a base di carne animale”.

Nel novembre di un anno fa, quando il premio fu annunciato per la prima volta, l’Anpi bolognese era insorta, parlando di “una provocazione abberrante”: Hitler era un fervente animalista e vegetariano, ma è anche il primo responsabile di milioni di morti. “Dove sta l’ironia del messaggio?”, si chiedeva il numero uno dei partigiani bolognesi, William Michelini. In effetti, ce lo chiediamo anche noi. Link alla lettera di Federfauna http://www.federfauna.org/newss.php?id=8559

Testo della lettera di Federfauna

Premio Hitler 2013

05 Novembre 2013Stampa

Si terra’ sempre a Bologna, domenica 24, la cerimonia di consegna del Premio Hitler 2013. Ai finalisti e’ stata inviata oggi per raccomandata la seguente missiva:

Gent.le Sig./Sig.ra,

con la presente ho il piacere di informarLa che potrebbe essere Suo il “Premio Hitler 2013”, istituito da FederFauna per le personalita’ che si sono particolarmente distinte nell’animalismo nel corso di ogni anno.

L’iniziativa, alla sua prima edizione, e’ stata presentata a Bologna il 24 novembre 2012, data in cui nel 1933 Adolf Hitler firmo’ la “Legge sulla protezione degli animali”, Tierschutgesetz.

Durante la presentazione e’ stato chiesto, in particolare alle persone che sono state vittime di violenze di matrice animalista, ma anche a chiunque altro avesse voluto, di suggerire attraverso un’e-mail  dedicata (premiohitler@federfauna.org) il nome della persona che ritenessero piu’ meritevole di ricevere tale premio.

L’e-mail e’ rimasta attiva anche durante tutti questi mesi ed il Suo nome figura tra i piu’ votati.

Sono pertanto ad invitarLa alla cerimonia di consegna del premio, che si terra’ sempre a Bologna il 24 novembre 2013.

Durante la cerimonia verra’ rivelato il nome del vincitore al quale verra’ consegnata una targa ricordo con l’immagine del fuhrer che accarezza amorevolmente due caprioli sullo sfondo del campo di concentramento di Auschwitz,  sovrastata dalla scritta “Animal Rights” corretta in “Animal Reich”.

Successivamente, direttamente con lo stesso, verra’ concordato il calendario di pranzi/cene rigorosamente a base di prodotti di origine animale presso aziende che lavorano con gli animali in Italia e/o all’estero, che costituisce il resto del premio.

Fiducioso nella Sua partecipazione, La invito a contattare la nostra segreteria per i dettagli: Tel. 051.6569625 ; e-mail: segreteria@federfauna.org

Cordiali saluti.

Massimiliano Filippi

Segretario Generale FederFauna