30 Luglio 2014

Dichiarazioni antisioniste del deputato M5S Manlio Di Stefano

mdistefano_m5s

Fonte:

Corriere della Sera

Il M5S: «Sulla Striscia in atto un genocidio» La replica di Israele: posizioni antisemite

Roma – Il pentastellato Manlio Di Stefano attacca Israele: «A Gaza è in atto un genocidio». Immediata la replica dalla sede diplomatica dello Stato ebraico: «Siamo di fronte a un pericoloso antisemitismo contemporaneo». La miccia della polemica innescata subito dopo l’informativa del ministro degli Esteri Federica Mogherini sulla situazione in Medio Oriente. La responsabile della Farnesina aveva appena finito di lanciare un appello «a tutti in quest’aula e all’opinione pubblica italiana a non cedere alla logica della partigianeria, all’idea che ci si debba dividere tra amici di Israele e amici della Palestina». Nel mirino di Di Stefano anche il premier israeliano Netanyahu accusato di «ordinare attacchi indiscriminati» e per il quale il deputato grillino invoca un’inchiesta per crimini di guerra Il parlamentare non risparmia critiche neanche al governo Renzi chiedendo che l’Italia «interrompa immediatamente la fornitura di armi a Israele e sospenda temporaneamente tutti gli accordi economici con Tel Aviv». E invocando anche il ritiro del nostro ambasciatore da Israele estendendo la richiesta ai partner europei. In seguito sul blog di Grillo si criticano anche gli «atti efferati portati avanti da Hamas e il lancio altrettanto indiscriminato di razzi su Israele». Una precisazione che però non basta allo Stato ebraico. «Con il pretesto di esprimere una posizione ragionevole – commenta il portavoce dell’ambasciata Amit Zarouk – l’onorevole Di Stefano ha sostenuto posizioni che negano il diritto fondamentale di Israele ad esistere, nonché di proteggersi davanti ad attacchi terroristici».