9 Maggio 2016

Crescita di consensi per CasaPound a Bolzano

CasaPound_Ansa

Fonte:

www.corriere.it

Autore:

Marco Angelucci

Il cuore nero di Bolzano fra politica, moda punk e la passione per l’hockey

Mentre i partiti tradizionali litigano, cresce il voto di protesta: si rafforza il M5S ma, soprattutto, si afferma l’estrema destra di CasaPound che sfiora il 7%

Esplora il significato del termine: Insieme, i due candidati al ballottaggio, arrivano a malapena al 40%. Ora Renzo Caramaschi (Pd, Sel e civiche) e Mario Tagnin (Lega, Forza Italia e civiche) faranno a gara per ottenere i consensi della Suedtiroler Volkspartei, il partito della minoranza tedesca dell’Alto Adige che con il 17% si conferma il primo partito della città.Insieme, i due candidati al ballottaggio, arrivano a malapena al 40%. Ora Renzo Caramaschi (Pd, Sel e civiche) e Mario Tagnin (Lega, Forza Italia e civiche) faranno a gara per ottenere i consensi della Suedtiroler Volkspartei, il partito della minoranza tedesca dell’Alto Adige che con il 17% si conferma il primo partito della città.

La fatica di non avere il «premio»

Un copione, questo, che a Bolzano si ripete ormai da anni con l’Svp che fa da ago della bilancia. Formare coalizioni stabili, in virtù di una legge elettorale senza premio di maggioranza, è diventato sempre più difficili tanto che in 10 anni la città è stata commissariata due volte e anche questo giro chiunque vinca il ballottaggio farà fatica ad avere i numeri per governare.

La forza del voti di protesta

Mentre i partiti tradizionali litigano, cresce il voto di protesta: si rafforza il Movimento 5 Stelle ma, soprattutto, si afferma prepotentemente l’estrema destra di CasaPound che sfiora il 7% — nei quartieri popolari di Don Bosco e Firmian supera addirittura il 10% — ed elegge tre consiglieri comunali. Il candidato sindaco Maurizio Puglisi Ghizzi, l’ex consigliere di quartiere Sandro Trigolo e Andrea Bonazza, leader indiscusso dei sovranisti altoatesini che con 2.500 voti sono la quinta forza in città.

Fattore Brennero

La paura che, con la chiusura del Brennero, Bolzano diventi come Calais o Idomeni ha spinto molti verso l’estrema destra. Ma in realtà il successo nasce da molto più lontano. Bolzano ha sempre avuto un cuore nero. La marcia su Bolzano, con cui fu deposto l’allora sindaco Julius Perathoner, fu il preludio della marcia su Roma. Negli anni di piombo la città è diventata una roccaforte del Movimento sociale. La destra locale non ha mai digerito la svolta di Fiuggi e l’anima moderata ha perso sempre più consensi. La paura dell’invasione di migranti ha fatto il resto e ora è arrivata Casapound.

Fra politica e hockey

I fascisti del terzo millennio sono partiti in sordina, aprendo prima un bar, poi una libreria, una sala di registrazione e infine uno spazio sociale a due passi dal Monumento alla Vittoria, luogo simbolo della destra altoatesina. Bonazza è diventato uno dei leader degli ultras della locale quadra di hockey, organizza collette alimentari per le famiglie italiane, giornate di pulizia dei parchi cittadini contro il degrado, raccolte di fondi per il popolo Karen, perseguitato dal regime birmano e, di recente, simboliche occupazioni dell’istituto per l’edilizia sociale. «Siamo sempre sulla strada» ripete come un mantra Bonazza che risulta il secondo italiano più votato in città.

Forza e violenza

La presenza c’è e si sente anche perché i fascisti del terzo millennio non disdegnano le azioni muscolari. «I politici vanno cacciati a calci nel sedere» dicono Bonazza e Puglisi Ghizzi che si conoscono dai tempi del Fronte della gioventù. Parole a cui seguono anche fatti. Lo scorso anno hanno pestato un candidato di Rifondazione comunista. Davide Brancaglion, che per il pestaggio ha risarcito mille euro, qualche settimana fa è stato rinviato a giudizio con l’accusa aver malmenato un 17enne che passava davanti alla sede del partito. Già consigliere di quartiere è stato confermato con oltre duecento preferenze ed è considerato il numero tre del Movimento a livello locale.

Il legame con il fascismo

Nessuno di loro ha mai fatto mistero delle simpatie per il fascismo e i candidati sfoggiano volentieri tatuaggi e saluti romani appena si presenta l’occasione. Ma soprattutto di simpatizzanti CasaPound ce ne sono anche nel centrodestra più moderato. L’ex sindaco di centrodestra Ivan Benussi, che lo scorso anno era sostenuto da CasaPound, e pure Marco Caruso di Uniti per Bolzano che, spesso e volentieri frequenta le iniziative dei fascisti del terzo millennio.

Il punk sociale

L’anima quasi punk di CasaPound ha consentito loro di reclutare negli ambienti più impensati. C’è il dj afro Mirco Nicolazzo, la sindacalista Caterina Foti espulsa dalla Uil e poi crocerossini, persone impegnate nel sociale. Ma soprattutto giovani. Studenti e precari che si riconoscono nello slogan «prima i bolzanini» che viene incessantemente condiviso sui blog del movimento. Ora che sono entrati nelle istituzioni si propongono di «trasformare le grigie aule in un bivacco di manipoli». In una città che ha subito pesantemente gli abusi del fascismo, l’inquietudine è grande. Nella sinistra che è stata quasi spazzata via ma soprattutto nel mondo tedesco che vede riaffacciarsi i fantasmi di un passato che tutti vorrebbero dimenticare.