20 Maggio 2016

Candidata leghista alle elezioni municipali di Bologna pubblica un post razzista su Facebook

FB_logo

Fonte:

Il Tempo

«Per i migranti accendi il forno» Legista cacciata

La candidata leghista evoca i «forni» per i migranti in uno scambio sui social: il sindaco Pd Virginio Merola chiede sia depennata dalla lista e il Carroccio approva. «Leggere di candidati consiglieri che evocano “i forni” per i migranti è un punto di non ritorno per la politica bolognese», ha scritto il sindaco su Facebook. Rossella Cercali, questo il nome della candidata della Lega, «va cacciata e chi ha accettato di mettere in lista persone del genere è corresponsabile», sottolinea il primo cittadino evocando una responsabilità della candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni, che è anche commissario della Lega a Bologna. «I razzisti e i fascisti a Bologna non vinceranno mai», assicura Merola. «Accendi il forno» è la frase usata da Rossella Cercali, candidata in consiglio comunale con la Lega Nord, per dire la sua riguardo una discussione nata su Facebook riguardo il tema dell’immigrazione. L’episodio, è avvenuto il 16 maggio, ed è nato in uno delle molte chat, nella quale la Cercali ha usato toni molto duri verso i profughi e Papa Francesco, accusato di essere troppo accogliente verso i clandestini. Nell’ambito del dibattito la candidata leghista è stata durissima. La candidata sindaco del Carroccio, Lucia Borgonzoni, decisa nella condanna: «Una persona se scrive una cosa del genere non fa più parte della mia squadra. Dichiarazioni di questo tenore e gravità, non possono essere tollerate».