15 Gennaio 2015

Botta e risposta tra Riccardo Pacifici e Davide Piccardo

piccardo_finitalapacchia

Fonte:

Il Giornale

Autore:

Enrico Silvestri

Baruffa in Tv. “Pacchia finita”, lite su post minaccioso del leader musulmano di Milano.

Duro battibecco l’altra sera a Porta a Porta tra l’ebreo Riccardo Pacifici e il musulmano Davide Piccardo. «Lei ha gioito per l’assalto dello scorso luglio alla sinagoga di Parigi, come ha scritto il Giornale». Pronta la replica: «Falso, ho querelato». Querela di cui al momento abbiamo ancora avuto notizia. Ma in attesa di dibatterne in un’aula di tribunale, confermiamo che Piccardo commentò i fatti di Parigi sulla sua pagina Facebook con il post: «È finita la pacchia». Anche se questo ora risulta misteriosamente sparito. Come risulta sparita la poesia sul «fascistello filoisraeliano» e la foto del martire Qassan, lo stesso a cui Hamas ha dedicato una sua formazione militare e i missili con cui martella Israele.

Ma per capire il motivo del contendere dell’altra sera, bisogna fare il classico «passo indietro». Il 13 luglio 2013, mentre israeliani e palestinesi si scambiano colpi di missile, un gruppo di musulmani al grido «Hitler aveva ragione» assaltò una sinagoga parigina, ferendo gravemente un ebreo. Davide Piccardo, segretario del Coordinamento associazioni islamiche milanesi, commentò l’evento con un post intitolato «È finitala pacchia»

dpiccardo_finita_la_pacchia

battuta poi diventata una maglietta con cui si è fatto fotografare. «Sono finiti finalmente i tempi dell’indifferenza, la sensibilità e la solidarietà verso la Palestina stanno crescendo e chi sostiene le guerre di Israele dovrà farci i conti». Non è la sua unica amenità: il suo profilo Fb è florilegio di battute sui «fascistelli filoisraeliti» paragonati agli asini e di fotografie di Qassam, martire palestinese a cui Hamas ha dedicato una sua formazione militare dei missili da lanciare su Israele. E l’altra sera a «Porta a Porta», Riccardo Pacifici, presidente della comunità ebraica romana, ha contestato a Piccardo, in collegamento da Milano quel «È finita la pacchia». «È falso che io abbia gioito, ho querelato Il Giornale». Querela di cui finora non abbiamo avuto notizia anche se questo non vuol dire granché: non sempre la denuncia viene notificata e, nel caso, non sempre tempestivamente. Non siamo dunque in grado di confermare o smentire.

Possiamo però confermare il post «È finitala pacchia» che ha suscitato l’indignata reazione del mondo politico milanese, da Ruggero Gabbai e Pierfrancesco Majorino, Pd, a Manfredi Palmeri, consigliere comunale d’opposizione. Anche se non sarà facile trovarne ora conferma: curiosamente scomparso dal profilo Fb insieme alle poesie sugli asini «filoisraeliti» e alla foto di Qassam.