5 Marzo 2015

Appello bipartisan alla UE per la creazione di una task force contro l’antisemitismo

ejc_logo

Fonte:

ANSA

PD: deputati, creare task force UE contro l’antisemitismo

«Agire presto e non lasciare nulla di intentato. Per questo accogliamo e sosteniamo l’appello del Senato americano che chiede all’Europa di istituire una task force contro l’antisemitismo». Lo hanno dichiarato Emanuele Fiano, Andrea Manciulli e Lia Quartapelle, deputati Pd. «I recenti attentati di Parigi e Copenaghen hanno colpito e sconvolto due grandi comunità, ma ogni giorno e da anni ormai parole e gesti antisemite, spesso violenti, oltraggiano cittadini ebrei in molte capitali europee. Siamo convinti che un lavoro serio sulla cultura della tolleranza e della differenza, accanto a un’opera di controllo e repressione di comportamenti razzisti e fanatici, possono rappresentare la strada migliore per difendere le comunità ebraiche, ma anche per gestire la convivenza tra culture, religioni e opinioni diverse. Siamo certi – concludono – che Federica Mogherini, Alto rappresentante per la sicurezza europea, ben conoscendo anche la situazione italiana, si adopererà per accogliere questo importante appello».

FI: Brunetta, ok a task force UE contro antisemitismo

«I deputati di Forza Italia condividono e sostengono l’appello dell’European Jewish Congress all’Alto Rappresentante agli Affari Esteri, Federica Mogherini, affinché l’Europa si doti di un inviato speciale o di una task force europea contro l’antisemitismo». Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. «La richiesta dell’EJC oltre ad essere in linea con la risoluzione presentata lo scorso 25 febbraio al Senato americano si rende necessaria al fine di far fronte comune al rigurgito dell’antisemitismo in tutta Europa e alla minaccia terrorista. Una minaccia che espone i cittadini europei di religione ebraica e i luoghi di culto ebraici tra quelli più a rischio. Siamo certi che la costituzione di una Task Force potrà rappresentare un investimento fondamentale e di lungo periodo in particolare sull’educazione e sulla sicurezza. Per questo oggi non possiamo che schierarci dalla parte dei nostri cittadini europei di religione ebraica la cui difesa vuol dire difesa delle stesse radici giudaico e cristiane dell’Europa». «Auspichiamo pertanto che l’Alto Rappresentante agli Affari Esteri, Federica Mogherini, possa accogliere quella che è una richiesta di necessità e di sicurezza non solo per i nostri fratelli e concittadini ebrei, ma per tutta l’Europa», conclude.