Xenofobia e antisemitismo. Alcune riflessioni

Autore:

Stefano Levi Della Torre

Malgrado la sua brevità, si tratta di uno degli interventi più profondi sul problema. L’autore distingue fra xenofobia e antisemitismo: mentre la prima “sembra crescere in proporzione all’immigrazione”, il secondo non ha alcun rapporto causale con la presenza degli ebrei. “la xenofobia se la prende con i vivi, l’antisemitismo (per ora) soprattutto con le tombe e la loro memoria” (p. 9). Da qui quello che Levi Della Torre definisce “il carattere simbolico dell’antisemitismo”. L’autore polemizza, inoltre, contro alcuni intellettuali cattolici reazionari i quali tendono a negare qualsiasi rapporto fra l’antigiudaismo cristiano tradizionale e l’antisemitismo contemporaneo. “Scagionare la matrice cristiana dalla tradizione antisemita è un pericolo. E’ tuttora feconda e contniua a generare stereotipi anche in forma secolarizzata” (p.11).